Incontra U Kyaw Moe

Posted November 06

Giorno: 57

Distanza percorsa: 8.691 km

Soggetti ritrovati: 16

I cento ritratti di The Human, Earth Project decidono tutto quello che facciamo. Controllano dove andiamo, come spendiamo i nostri giorni e ciò che scopriamo lungo il percorso. Io e Moreno possiamo percorrere migliaia di chilometri per una singola immagine.

Ed è anche collezione insolita. In alcuni casi ho volutamente escluso le immagini più coinvolgenti, le più tecnicamente riuscite a favore di immagini che quasi non mi piacciono nemmeno.

C'è questa immagine, per esempio:


Quasi cinque anni fa, qui nel centro della Birmania sono andato in cima ad un tempio piramidale, a gradini, per guardare il tramonto attraverso le pianure polverose.

Non ero solo. C'erano parecchi stranieri bianchi rumorosi che sono arrivati brandendo le loro macchine fotografiche per portare via scatti del sole calante. E c'era una piccolo uomo di pelle scura, che è scivolato silenziosamente su per le scale e si è seduto accanto a me sulla pietra. Era l'unico di noi che guardava veramente il tramonto (senza un mirino) mentre fumava il suo sigaro.

Non appena il sole scomparve, così fecero anche i turisti, mentre io e quest'uomo siamo rimasti seduti nell'ultima luce che si dissolveva. Non ci siamo parlati, semplicemente assaporaravamo il momento, poi lui è andato per la sua strada.

Avevo fotografato l'uomo della luce all'imbrunire. Certamente non è uno dei miei ritratti migliori, eppure l'incluso nella mia collezione. Perché? Perché ero profondamente curioso di sapere di più su quest'uomo. Chi era? Un venditore ambulante locale? Un cocchiere? Non c'era dubbio che avesse guardato il sole da quel tempio mille volte, restando saldo tra le file dei turisti, paziente come le pietre stesse.

Il suo nome è U Kyaw Moe ("Oo Cho Mu"), ed è un contadino. Questa settimana è impegnato con il raccolto di arachidi, poi avrà meno da fare, fino a quando arriveranno le piogge il prossimo mese di aprile. Passerà le sue giornate rilassandosi e piantando alberi.

Le sue figlie e il figlio adottivo vendono vestiti e dipinti ai turisti, e si prenderanno cura di lui. Ci sono molti più turisti ora, ci racconta sua figlia, ma con l'aumento dei prezzi del cibo e degli alloggi, stanno spendendo meno soldi in souvenir. Che è come dire che i locali subiscono tutti gli svantaggi del turismo di massa, con pochi dei suoi benefici.

L'incontro U Kyaw Moe è stata una delle più belle esperienze di questo cammino, finora. Io e Moreno abbiamo fatto colazione con la sua famiglia questa mattina, e siamo stati invitati a tornare per pranzo domani.

Nel selezionare i cento ritratti per The Human, Earth Project, stavo scegliendo alla cieca tra una vasta varietà di potenziali storie ed esperienze in tutta l'Asia. Non posso fare a meno di fantasticare su tutte le fotografie che non sono state selezionate. Camminando per le strade e per i campi, vedendo tutti i volti che non ho mai fotografato e che nascondono storie che non avrò mai il tempo di sentire, una vita non mi sembra abbastanza.

Share on Facebook
Iscriviti

Jellybaby