Incontra U Hla Boor

Posted November 25

Giorno: 76

Distanza percorsa: 9.464 km

Soggetti ritrovati: 44

Nulla in quel villaggio aveva alcun senso, era come un viaggio nella tana del Bianconiglio, o lungo il fiume alla ricerca di Kurtz.


Eravamo alla ricerca di tre persone che avevo fotografato quasi cinque anni prima: un uomo anziano e due bambini di circa dieci anni che giocavano nel suo salotto.

Il vecchio l'abbiamo trovato facilmente, e ci ha accolti calorosamente, ma in quel momento aveva ospiti in casa, quindi ci siamo accordati per rivederci mezz'ora dopo.

Quando siamo tornati, tuttavia, ha rifiutato di aprire la porta. Diceva che eravamo venuti per spillargli soldi e comprarci alcolici a sbaffo, e ci è voluta una buona dose di persuasione e adulazione per convincerlo che non fosse così.

Il suo nome è U Hla Boor. Pur essendo stato il capo del villaggio per un buon numero di anni, dice di non avere alcun interesse per la politica, e ha sorriso candidamente quando Moreno gli ha chiesto del casco nazista appeso alla sua parete.

Gli abbiamo mostrato le mie fotografie dei bambini che giocavano in casa sua. Le ha guardate attentamente e ha negato di conoscere uno qualsiasi di loro, anche se (abbiamo scoperto molto più tardi) uno dei soggetti era suo nipote.


Pur trovandoci in una piccola comunità molto unita, non un'anima sapeva il nome dei bambini che stavamo cercando, né addirittura se fossero ragazzi o ragazze. E così è cominciata una lunga (e faticosa) ricerca, che ha coperto tre giorni e sette villaggi.

In un villaggio, ci hanno mostrato un ragazzo che aveva una forte somiglianza con uno dei bambini. Dopo un lungo dibattito, tuttavia, abbiamo concluso che non era quello che stavamo cercando.


Il terzo giorno, sul punto di abbandonare la ricerca, siamo tornati in preda alla disperazione e per la terza volta al villaggio dove erano state scattate originariamente le fotografie. Questa volta, con nostra grande sorpresa, uno dei nostri soggetti è stato ampiamente riconosciuto.

La sua casa era a 45 minuti a piedi su oltre il paese, ci dicevano, e un uomo del posto ha detto che ci avrebbe condotto lì. Il nostro interprete, che ci credeva in buone mani con quel padrone di casa e aveva cose sue da sbrigare, ha lasciato il villaggio.

Ci siamo seduti aspettando un cenno del padrone di casa, che però non faceva un bel niente. Quando gli abbiamo ricordato della nostra ricerca, sembrava avere dimenticato tutto. Gli abbiamo mostrato ancora una volta le fotografie, e lui semplicemente ci ha mandato nella casa accanto.

I vicini non riuscivano a capire la nostra presenza in casa loro più di quanto la capissimo noi. In crisi di frustrazione, io e Moreno abbiamo cominciato a camminare alla cieca nella direzione indicata in precedenza. Tuttavia, il solo punto che abbiamo raggiunto era un tempio in cima della collina, e da lì in avanti c'era solo foresta.

Io ne avevo avuto più che abbastanza di quel villaggio di matti ed ero pronto ad abbandonare la ricerca, quando un giovane monaco ci ha guidati giù per la collina fino alla casa del ragazzo, che era a meno di un minuto a piedi dalla casa da cui eravamo partiti.

La capanna era chiusa e vuota. Era tardo pomeriggio e ci hanno detto che il ragazzo e la sua famiglia sarebbero presto tornati. Alcuni hanno detto che stavano lavorando nei campi, altri hanno detto in foresta. Quando è scesa la notte e non c'era ancora nessun segno di loro, abbiamo cercato un pasto e un alloggio nelle vicinanze.

Dopo cena, Moreno è tornato da solo alla capanna. E' stato accolto dalla famiglia del ragazzo, lo ha incontrato ed ha spiegato che saremmo tornati per parlare con lui alle 7 del mattino seguente.

Eravamo lì alle 6:45 del giorno successivo. I genitori del ragazzo, così affabili la sera precedente, erano diventati improvvisamente freddi, persino ostili. Divenne ben presto evidente che avevano mandato via il ragazzo prima delle 7 deliberatamente, così che non potessimo rivederlo.

Con il ragazzo nascosto e genitori contro di noi, c'era poco altro da fare. L'altro giovane non era mai stato riconosciuto da nessuno, quindi li abbiamo cancellati entrambi dalla nostra lista e abbiamo cominciato la lunga e faticosa camminata fuori dalla tana del coniglio.

Share on Facebook
Iscriviti

Jellybaby